Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

10 consigli per i papà al lavoro

 10 consigli per i papà al lavoro

Dal 1° gennaio 2018 i giorni di congedo parentale obbligatorio per i papà lavoratori sono passati da 2 a 4 e sempre da quest’anno il lavoratore dipendente può astenersi dal lavoro per un ulteriore giorno in sostituzione della madre che rinunci a un giorno di congedo obbligatorio a lei spettante.

Queste misure contribuiranno a una genitorialità sempre più condivisa, magari anche sul fronte del congedo facoltativo, e di conseguenza aiuteranno le stesse mamme al lavoro?

“Il desiderio dei papà di essere più presenti e partecipi nella vita dei figli è oggi cruciale nel work-life balance familiare – commenta Alessandra Giordano, Direttore Delivery di Intoo -; dal nostro punto di vista, poi, considerando anche la sensibilità sulla diversity da parte delle aziende, riteniamo molto positiva la crescente richiesta di coinvolgimento in sessioni di coaching anche da parte degli uomini. Ricoprendo spesso anche incarichi di responsabilità, possono oggi diventare davvero agenti e protagonisti di un cambiamento culturale. Il loro contributo attivo nel doppio ruolo genitore-professionista può essere, infatti, realmente utile nel contrastare l’abbandono del lavoro da parte delle donne che ancora nel 2016 erano circa 30mila tra le mamme di bambini entro i 3 anni di vita*”.

Intoo, la società di Gi Group leader nei processi di sviluppo e transizione di carriera che con il servizio Moms@Work aiuta le imprese nella gestione integrata della maternità delle dipendenti, da ormai 2 anni si occupa anche del “fronte” papà con workshop, corsi e servizi di coaching sulla genitorialità e, alla luce di questo scenario, stila, pertanto, un decalogo di consigli utili per i futuri papà:

Comprendere - per gestire il cambiamento, come persone e professionisti: la nuova condizione porta importanti cambiamenti; affidarsi ad un coach professionista può essere utile per creare la nuova identità genitoriale e per continuare ad essere protagonisti della vostra vita privata e lavorativa gestendo al meglio il vostro nuovo ruolo di genitore insieme agli altri ruoli attivi.

Pianificare con anticipo: già durante l’attesa della nascita del figlio/a cominciate ad immaginarvi papà e pensate a come vorreste vivere questa nuova responsabilità. Immaginare come agire il proprio ruolo e avere chiaro un obiettivo aiuta a creare le azioni necessarie a realizzarlo.

Mantenere una visione d’insieme: permette di comprendere come conciliare esigenze familiari, professionali e personali. ll genitore al lavoro ha un nuovo doppio ruolo e deve rispondere alla ricchezza e alla complessità delle richieste esterne ed interne in termini di aspettative.

Accrescere la fiducia: un atteggiamento positivo nella coppia favorisce complicità e vicinanza emotiva familiare e facilita una visione di efficacia di sé nella propria quotidianità professionale e non solo.

Confrontarsi: il confronto aiuta a ridimensionare le problematiche che si stanno affrontando in ambito lavorativo e familiare e a trovare nuove soluzioni anche con altri genitori.

Curare le relazioni: solo un clima di ascolto reciproco e confronto può consentire, infatti, a vostro figlio/a di crescere sereno. La genitorialità non deve portare chiusura, continuate a curare la vita sociale.

Rivedere le proprie priorità: con la paternità gli equilibri cambiano, definite le nuove priorità con chi vi sta accanto, condivideteli e perseguiteli insieme, per fare insieme le scelte e favorire così sia la vostra soddisfazione personale, familiare e professionale sia quella della vostra compagna.

Ottimizzare il tempo: cercate di massimizzare ciò che fate, per migliorare la qualità della vostra vita gestendo in modo positivo il ruolo paterno in tutte le sue potenzialità. Potrete ritagliarvi spazi anche per voi senza essere “mancanti”. 

Lavorare SMART: se possibile proponete una formula di lavoro agile e flessibile, che vi consenta di gestire al meglio il nuovo work-life balance.

Accrescere le competenze: venite in contatto con nuovi compiti e nuove emozioni, imparate a valorizzarli per vivere appieno il nuovo ruolo. Questo può portarvi diversi vantaggi ed accrescere il vostro valore a più livelli, anche sul lavoro. La paternità porta con sé nuove competenze.
 

“La ricchezza e complessità del ruolo genitoriale, raccogliendo anche le aspettative interne ed esterne al nucleo familiare, è davvero, come non mai, una grande palestra di soft skills utilissima in fondo a entrambi, mamme e papà – conclude Alessandra Giordano -. Da non sottovalutare, infine, il valore del networking; anche in questa condizione personale, il confronto con altri genitori oltre che all'interno della famiglia, rappresenta una grande possibilità di superare meglio insieme le difficoltà, vivere appieno la genitorialità, partecipare di più alla vita lavorativa della propria compagna e di riflesso migliorare anche la propria”.

Tags

Condividi questo articolo