Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Capitali di ventura. I segreti dell`industria dell`innovazione

l venture capital è oggi uno degli strumenti fondamentali per la creazione d’impresa e per garantire quella crescita di cui i nostri sistemi economici hanno tanto bisogno. Non può più dunque essere considerato un fenomeno di nicchia.

In quest'ottica "Capitali di ventura", scritto da Gabrile Grecchi per Egea, è un diario, raccoglie e sintetizza quindici anni di lavoro, appunti ed esperienze, conversazioni, vittorie e disfatte. È dedicato a chi ha risorse finanziarie e ancora non le ha investite nelle innovazioni che il nostro paese può consegnare al mondo, a partire dall’ambito delle scienze della vita; e agli innovatori, quei ricercatori e imprenditori che, fuori dai grandi circoli internazionali, faticano a orientarsi nel flusso di informazioni che su questi temi inonda ogni giorno la rete.

Racconta di un’industria – quella degli investimenti in imprese e innovazioni ad alto contenuto tecnologico – che già ha avuto e avrà ancora numerosi impatti sulle nostre vite, capace di superare in velocità e dimensioni la old economy e di instaurare nuovi paradigmi, nuovi stili di consumo, nuove enormi ricchezze. La meccanica dei fondi di venture capital e insieme le sue contraddizioni vengono svelate in alcuni dei loro dettagli più segreti, con la speranza che ciò possa migliorarne l’efficacia come strumenti d’investimento. Sfide e trappole sono spiegati considerando tutti gli stakeholder dell’ecosistema, dagli uffici di trasferimento tecnologico delle università ai business angel, agli operatori di corporate venture capital.

Gabriele Grecchi
Co-fondatore e CEO di Silk Biomaterials, startup medtech che in Italia ha raccolto uno dei più importanti investimenti di venture capital del 2016. Grecchi ha deciso di scommettere sul mondo della salute dopo quasi dieci anni di esperienza in Credit Suisse e dopo un MBA presso l’INSEAD di Singapore. Per Z-Cube, l’unità di Research Venture del Gruppo Zambon, ha ideato e condotto la prima edizione di Open Accelerator, il primo programma di accelerazione dedicato interamente alle scienze della vita. Siede nel comitato di investimento di Anya Capital ed è attivamente coinvolto nel supportare l’ecosistema delle startup life science in Italia.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo