Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

CodingGirls: Mirta Michilli, Fondazione Mondo Digitale

Per i laureati italiani in materie tecnico-scientifiche il tasso di occupazione è superiore al 90% (Almalaurea, 2017), eppure nel 2015 il 39% dei giovani ha conseguito un titolo di studio in facoltà umanistiche e sociali (Education at a glance, 2017). Il quadro è più critico, come ci illustra Mirta Michilli, se si guarda al numero di donne impiegate nel settore ICT in tutto il mondo, il 20% secondo gli esperti Ocse. Un gender gap non solo quantitativo ma anche qualitativo (solo il 15% ricopre posizioni manageriali), difficile da colmare. 

Da questo quadro emerge l'importanza di iniziative come CodingGirls, che, in occasione dell’European Coding Week, vede Fondazione Mondo Digitale, Missione diplomatica USA in Italia e Microsoft Italia a fianco delle giovani donne per accelerare il raggiungimento della parità di genere nel mondo del lavoro. Giunta ormai alla quarta edizione, vede protagoniste 4.000 studentesse di Milano, Roma, Napoli e Catania.

Con Coding Girls nasce anche la prima associazione italiana per la valorizzazione dei talenti femminili nel campo delle STEAM, basata sull'effetto moltiplicatore della formazione alla pari e sullo sviluppo di una giovane e-leadership al femminile. Nata legalmente il 27 settembre 2017 a Roma, si tratta di un movimento dal basso, che parte dalle scuole italiane con l’idea di coinvolgere tutta la società civile, per sostenere i giovani talenti femminili italiani nel settore dell’ICT – Information and Communication Technology. A guidare l’Associazione: Mirta Michilli (presidente), Cecilia Stajano (vice presidente), Rosy D’Elia (segretaria), Manuela Martina (tesoriere).

 

 

 

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo