Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Donne e carriera: un libro per lavoratrici ambiziose

 Donne e carriera: un libro per lavoratrici ambiziose

Nell'era post moderna, siamo di fronte ancora ad una rilevante presenza delle differenze di genere, specie per quanto attiene il mercato del lavoro e, nonostante si siano fatti dei passi in avanti dal punto di vista normativo giuridico, la strada per avviare un effettivo superamento di questo limite è ancora lunga.

In tale contesto si inserisce bene l'opera di Mrs Moneypenny ed Heather McGregorDonne e carriera- consigli smart per lavoratrici ambiziose” edito dalla Hoepli: in dieci capitoli, le autrici ripercorrono ogni singolo aspetto che un'aspirante donna in carriera deve affrontare.
La nota teoria del “tetto di cristallo” risulta ancora di estrema attualità: le donne, nell’ambito della divisione verticale del lavoro, sono ancora assoggettate ad una presenza maschile dominante, si trovano bloccate da sistemi di esclusione ben radicati nelle abitudini di molte società, e il tetto fa riferimento a questa barriera invisibile che rende complessa e artificiosa l’ interazione con gli uomini, impedendo alle donne di accedere a posizioni di responsabilità e di dirigenza.

Ma, come afferma Rebecca Shambaugh:“Può essere che non sia sempre colpa del soffitto di cristallo, ma in parte, anche del pavimento appiccicoso”, e diverse ricerche affermano la maggior fatica che le donne devono affrontare per progredire all'interno di una società. Oggi le cose sono molto cambiate anche grazie ad una legislazione, che, giorno dopo giorno, ha visto la figura femminile affermare la propria identità, attraverso l'assunzione di incarichi importanti. L'analisi delle autrici, si sviluppa su quelli che sono i cardini su cui si può sviluppare una brillante carriera come le competenze acquisiste nel corso della propria esperienza formativa e professionale e soprattutto puntando a creare una rete di contatti nel settore, il cosiddetto “capitale relazionale”.
Tra gli stereotipi presenti nel mondo del lavoro, è che ad ogni età sia associata una fase ben precisa della vita, ma occorre, secondo le autrici, uscire fuori da questa gabbia mentale perchèé “non è mai troppo tardi” per sviluppare nuove competenze ed aumentare di conseguenza la fiducia in se stesse.

A ciò si aggiunge l'idea della “Superdonna”, il mito con la quale molte delle ragazze cresce, nella convinzione di dover rispondere ad un immaginario di una vita tendente alla perfezione, che vede la donna in grado di gestire molteplici situazioni e problematiche. Nonostante la presenza di una serie di politiche delle pari opportunità anche a livello europeo, la questione dal punto di vista sostanziale, non si è mai conclusa. Nel mondo del lavoro, le donne incontrano notevoli difficoltà, nell'impossibilità di ricoprire ruoli prestigiosi e di potere e hanno sempre avuto difficoltà nel rivestire il cosiddetto “doppio ruolo”mamme e lavoratrici. Soprattutto in questo periodo di crisi nel campo occupazionale, la parola carriera sembra ormai lontano dal nostro dizionario, ma forse è proprio in circostanze  come queste che si ha la maggior capacità di reinventarsi, di mettersi in gioco. Ormai ci troviamo nel terzo millennio, eppure, il tema del rapporto fra il mondo femminile, lavoro, opportunità, crescita, innovazione è ancora tutto da indagare, approfondire, capire.

Tags

Condividi questo articolo