Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Futuro+Umano. La sfida irrevocabile tra intelligenza artificiale e umana originalità

“Quando la tecnologia incontra l’empatia e la responsabilità tutta umana della scelta, produce umanità alla terza potenza”. È da qui che prende il via l’analisi di Francesco Morace all'interno del libro "Futuro+Umano. La sfida irrevocabile tra intelligenza artificiale e umana originalità", edito da Egea. L’autore parte dalla consapevolezza che l’intelligenza artificiale nel medio-lungo termine contribuirà a far emergere e maturare la vera potenza dell’umano, che da sempre si muove tra capriccio e genialità. Saremo noi, però, a dover decidere in quali termini e in quale direzione.

Quello che l’autore si auspica è che, dovendosi misurare con il machine learning e l’apprendimento automatico, l’umano sarà costretto – suo malgrado – a comprendere lo straordinario mistero della propria unicità, arrivando finalmente a individuare il segreto poetico della propria grandezza: l’affettività come nocciolo duro della propria esistenza, della propria soggettività. Solo così, con i suoi valori quali bellezza, bontà e amore, l’umano sarà in grado di prevalere sull’intelligenza artificiale. La bussola che quest’ultima pretende di fornire è solo funzionale, computazionale, ma sempre priva di quel significato che solo noi possiamo dare alle cose.

Le macchine non sperano e questo rimarrà il nostro vantaggio incommensurabile: il valore aggiunto dell’umano è la tensione utopica verso un futuro che si desidera. Gli uomini e le donne sono macchine desideranti. Il nostro futuro dipenderà dalla qualità dei nostri desideri e da un’intatta capacità di sperare.
La scommessa risiede nella capacità dell’umano di attivare la sua intelligenza più profonda nutrendosi in modo sensato dei nuovi dati che avrà a disposizione e che non costituiscono un mondo alternativo, ma piuttosto il carburante per nuove forme di intelligenza, meno orientata a desideri immediati (che diventano capricci) e impegnata invece nella costruzione strategica di un mondo migliore. Si tratterà di arginare i rischi e i vizi che si intravedono in una società orientata al cinismo, all’indifferenza e al narcisismo di ritorno: il rischio non risiede nelle macchine, ma nella capricciosa stupidità tutta umana, che potrebbe segnare irrimediabilmente il nostro tempo. Per affrontare questa sfida e vincere la scommessa, dunque, bisognerà trasformare il capriccio in curiosità, la passività in passione, il caos in cura. A queste trasformazioni parallele sono dedicate le prime due parti del libro. La terza parte è invece dedicata alle soluzioni impreviste, incardinate su quelle qualità umane, tutte a portata di mano, che spesso non percepiamo come un valore e che invece ci rendono così profondamente umani: lo sguardo, il sorriso, il tocco, la carezza, l’esitazione…


Francesco Morace, sociologo e saggista, lavora da oltre trent’anni nell’ambito della ricerca sociale e di mercato. Fondatore e presidente di Future Concept Lab, è consulente di aziende e istituzioni italiane e internazionali. Tra i più affermati esperti di tendenze, è docente di Social Innovation al Politecnico di Milano e di Culture & Lifestyle all’Università di Trento. Dal 2015 organizza e dirige il Festival della Crescita, appuntamento itinerante che vede ogni anno protagonisti cittadini e istituzioni, imprese e creativi, studenti e professionisti. Collabora regolarmente con la trasmissione Essere e Avere di Radio24 e con le testate Adv, Mark Up e Millionaire.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo