Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Incentivi alle imprese: istruzioni per l’uso

Dalle ore 9 di lunedì 31 marzo, le piccole e medie imprese, potranno presentare la domanda per accedere ai fondi messi a disposizione dalla Convenzione firmata dall’ABI (Associazione Bancaria Italiana), la Cassa Depositi e Prestiti (CDP) e il Ministero dello Sviluppo Economico. La Convenzione dà attuazione alla “Sabatini bis”, ovvero i finanziamenti e contributi previsti dal Decreto Fare (art. 2 decreto-legge n. 69/2013) per investimenti d’impresa in beni strumentali. In totale sono stati stanziati 2,5 miliardi di euro e tale platfond verrà poi distribuito dalle banche aderenti alla Convenzione sulla base delle richieste delle imprese. Il plafond potrà essere aumentato successivamente fino a 5 miliardi di euro con successivi provvedimenti. Le banche aderenti, potranno utilizzare tale plafond per finanziamenti fino al 31 dicembre 2016. Il beneficio sarà concesso fino a esaurimento delle risorse e potrà essere di importo compreso tra 20.000 e 2 milioni di Euro.


Requisiti
Possono accedere al Bando tutte le micro, piccole e medie imprese di tutti i settori produttivi:
• con sede operativa in Italia;
• iscritte nel Registro delle imprese ed essere in regola con le normative
• che realizzano investimenti in macchinari, impianti, beni strumentali e attrezzature, hardware, software e tecnologie digitali.


Come fare
Le imprese in possesso dei requisiti, presentano alla banca, tramite posta elettronica certificata, un’unica dichiarazione-domanda per la richiesta del finanziamento e per l’accesso al contributo ministeriale. Una volta che la banca ha adottato la delibera di finanziamento, il Mise procede, in tempi molto contenuti, alla concessione del contributo e a darne comunicazione all’impresa. La domanda va sottoscritta dal legale rappresentante o suo procuratore mediante firma digitale, comprensiva di bollo (tranne per i settori agricoli e pesca) assicurato mediante annullamento e conservazione in originale della marca presso la sede dell’impresa.

Ecco il link tutti i moduli e i documenti relativi

Ministero dello Sviluppo Economico
 

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo