Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

La filiera del vero. Contraffazione e autenticità dei prodotti Made in Italy

Oggi i volumi di merci false che entrano in Europa si ritiene siano pari al 5% del totale dei beni che arrivano; l'Ocse ha stimato che la contraffazione ed il commercio ilegittimo rappresentino circa il 2,5% del commercio mondiale per un valore pari a 461 miliardi di dollari.

Il punto è che oggi la dicotomia prodotto originale e falso, a causa della crescente complessità dei fenomeni di contraffazione sembra essere superata, come dimostra il museo della contraffazione a Parigi, che espone i prodotti contraffati a fianco dei loro corrispettivi originali. La contraffazione, come ci illustra Iolanda D'Amato Docente SDA di Produzione e Tecnologia, SDA Bocconi School of Management, nel suo libro "La filiera del vero" edito da Egea, è un problema antico ma sempre in crescita.

L’emergere di supply chain globali e complesse, composte da una moltitudine di attori, spesso vulnerabili e difficili da controllare in modo adeguato, la disponibilità di tecnologie sempre più avanzate e l’aumento delle vendite su internet sono considerate le principali cause alla base della crescita del fenomeno. In una prospettiva di supply chain end-to-end il problema della contraffazione deve essere incluso in un concetto più ampio di «commercio illegittimo», che comprende fenomeni quali il mercato grigio/parallelo, le infiltrazioni nelle filiere legittime, la contraffazione dei punti vendita, le sovrapproduzioni non autorizzate, i furti e il traffico di beni rubati. Proteggere e promuovere la filiera legittima diventa dunque una scelta necessaria e strategica: l’autenticità del prodotto non può prescindere dall'autenticità, dalla trasparenza e dalla sicurezza dell’intera catena che lo ha generato. Il libro presenta il fenomeno del commercio illegittimo utilizzando un modello, denominato LISC (legitimate illegitimate supply chain), che descrive e analizza gli eventi attraverso le possibili interazioni tra le supply chain legittime e quelle illegittime, e propone soluzioni per contrastarlo attivamente, alla luce di numerosi casi aziendali.

Si segnala l'evento del 25 ottobre Supply Chain Risk Management – Anticontraffazione e Controllo di Filiera - Club Produzione e Tecnologia all'interno del quale verrà presentato il libro di Iolanda D'amato.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo