Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

L`Antitrust contro i colossi delle app

 L`Antitrust contro i colossi delle app

Google, Apple, Amazon e Gameloft sono le quattro compagnie nel mirino dell'Antitrust italiana, che ha avviato un'istruttoria per meglio definire se i modelli di vendita utilizzati negli store virtuali e nelle applicazioni sviluppate siano conformi alle normative vigenti nel Bel paese. Nello specifico, viene affrontato il tema delle applicazioni "freemium". L’Autorità ha deciso di avviare un’istruttoria nei loro confronti in merito alle app che appaiono gratuite ai consumatori e che invece richiedono acquisti successivi per poter continuare a giocare. Il procedimento dovrà verificare se questi comportamenti costituiscano pratiche commerciali scorrette: i consumatori potrebbero essere indotti a ritenere, contrariamente al vero, che il gioco sia del tutto gratuito e, comunque, non sarebbero messi in grado di conoscere preventivamente gli effettivi costi dello stesso. Sussisterebbero, inoltre, carenze informative circa gli strumenti per escludere o limitare la possibilità di acquisti all’interno dell’App e le relative modalità di attivazione. L'avvio dell'indagine nei confronti dei colossi del settore mobile segue un'iniziativa simile della Commissione Europea, in cui si indaga la presenza sugli store virtuali di giochi gratuiti, in cui in realtà è necessario pagare per andare avanti. Secondo la Commissione, più della metà dei giochi mobile disponibili nell'Unione Europea sono pubblicizzati come gratuiti e gli acquirenti, soprattutto bambini, non sono sempre consapevoli dei potenziali costi per il proseguimento del gameplay. Ad oggi la soluzione più virtuosa per aziende e consumatori resta quella di richiedere l’inserimento della password associata all’account dell’utente ogni volta che si effettua un acquisto in app.
 

Tags

Condividi questo articolo