Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Le Città d`arte: la ricchezza del turismo italiano

Negli ultimi 20 anni il turismo nelle città d'arte d'Italia è cresciuto ad un ritmo del +3,5% annuo, generando un fatturato stimato, per il solo 2015, in oltre 16 miliardi di euro, di cui il 70% generato da domanda straniera: sono i dati sul turismo nelle città d’arte in Italia, elaborati dal Centro Studi Turistici di Firenze. 

Arrivi e presenze nelle Città d'Arte: +3,5% di media annuo

Secondo i dati presentati, dal 1995 al 2015 il turismo nelle città d’arte è cresciuto del 114% negli arrivi (circa 21 milioni) e del 100% nelle presenze (circa 53 mln) con una crescita media annua del 3,5%. A crescere è stata soprattutto la quota degli stranieri, passati dal 55,8% al 62,3% del totale.
In particolare nel 2015 gli arrivi nelle città d'arte sono stati 40,2 mln, il 36,8% del totale degli arrivi in Italia (nel 1995 era il 28%) mentre le presenze si sono attestate su 105,7 milioni, il 27,5% del totale in Italia (nel 1995 era il 18,4%). Per quanto riguarda l'analisi dell'andamento nelle 10 fra le principali città d'arte italiane, la crescita maggiore delle presenze si è avuta a Padova (+118%), seguita da Venezia (+110%) Roma (+106%) Napoli (+100%), Torino (+77%); Verona (+65%), Bologna (+53%), Pisa (+49%), Firenze (+43%) e Siena (+27%).

Strutture ricettive: +3% di crescita media annua

Negli ultimi venti anni l'offerta ricettiva nelle città d'arte è cresciuta con una media annua del +3%: in particolare le strutture ricettive sono aumentate del 244% (+22 mgl) mentre i posti letto dell'81% (+395 mgl). Boom per il settore extralberghiero, cresciuto del +119% (in Italia è aumentato del +62%) mentre l'offerta alberghiera è cresciuta del +53% (in Italia è aumentata del +29%). A crescere maggiormente in ricettività è stata la città di Bologna (+133%), seguita da Padova (+96%), Roma e Siena (+86%) Napoli (+ 67%), Venezia (+63%), Verona (+59%), Torino (+55), Firenze (+45%) e Pisa (+35%).
L'evoluzione delle nuove tecnologie ha comportato per le strutture ricettive l'adozione di nuovi modelli di offerta, come la presenza di ricettività sul portale Airbnb: Roma è la città con la maggiore presenza di offerta ricettiva con ben 11.640 annunci; a seguirla sono Milano con 8804 offerte, Firenze con 5590 annunci e Venezia con 4.066 offerte.

Visite ai musei: aumento degli introiti del +5,9% annuo

La crescita di arrivi e presenze nelle città d'arte va di pari passo con la crescita dei visitatori nei musei statali italiani: dal 1995 al 2015 i visitatori sono cresciuti del 75% (oltre 18,6 milioni). In aumento sia i visitatori paganti (+96%) che non paganti (+60%). Solo nel 2015 l'aumento dei visitatori nei musei statali è stato del 6,2% rispetto all’anno precedente.
A crescere sono stati anche gli introiti, passati da 49 milioni di euro nel 1995 ad oltre 155 milioni di euro nel 2015, +5,9% di media annua. Roma è regina con un aumento del +317% di visitatori nei propri musei, seguita da Torino (+193%), Venezia (+94%), Milano (+88%), Pompei (+58%) Napoli (+35%), Firenze (+38%).

Quanto vale il turismo delle città d’arte in Italia?

Dai dati elaborati emerge come la spesa dei turisti stranieri per vacanze culturali o in città d'arte rappresenti il 36% del totale della spesa delle vacanze in Italia, per un valore di 12,5 miliardi di euro. Il turista straniero spende in media il 25% in più nelle città d'arte: €131 rispetto ai €105 di media.

Le previsioni per il 2016

Dopo una Pasqua 2016 che ha accentuato ancora il ruolo guida per il turismo italiano delle città d’arte, con percentuali di occupazione che hanno superato mediamente l’80% delle disponibilità, arriva il primo ponte lungo di questa primavera. Nel week end dal 22 al 25 Aprile si registra un discreto incremento delle richieste verso le nostre città; il trend è confermato dalla analisi della disponibilità di camere sui vari portali delle OLTA (Trivago, Booking.com, Expedia, Lastminute.com), infatti, in base al monitoraggio del CST la saturazione dell’offerta ricettiva nazionale disponibile Online per il week end 22 – 25 aprile 2016 si assesta oggi a circa il 70%, con punte più elevate per le città d’arte che ad oggi (rilevazione del 14 aprile) vede percentuali di occupazione intorno all’80%.

Il ruolo di Assoturismo

In Italia, per Confesercenti, opera  Assoturismo, presieduta da Claudio Albonetti e che:
- rappresenta e tutela gli interessi delle imprese turistiche a livello politico, istituzionale ed amministrativo;
- assiste e coordina l'attività delle associazioni nazionali di categoria aderenti sul piano sindacale e legislativo;
- promuove la formazione professionale e l'assistenza alle imprese per lo sviluppo dell'economia turistica;
- garantisce l'informazione e la consulenza sui problemi specifici di settore per il progresso e l'affermazione dell'impresa turistica;
- coordina la realizzazione di servizi di consulenza tecnica specialistica alle imprese per sviluppare la qualità dell'offerta turistica;
- mette a disposizione le migliori competenze per progetti di innovazione tecnologica ed interventi per il miglioramento delle strutture.


"Il turismo in Italia ha sempre rappresentato un elemento di straordinaria rilevanza per la crescita dell’economia nazionale-rileva Albonetti- Assoturismo, nella logica che il turismo costituisce anche uno straordinario sistema di imprese, che produce risorse creando servizi per ogni tipo di domanda, e nella consapevolezza di una accresciuta rappresentatività, in grado ormai di raffigurare tutta la filiera delle imprese turistiche italiane, continuerà, così come ormai avviene da quasi venti anni, a fornire quel formidabile contributo di idee, di iniziative e di impegno per l’assistenza e la valorizzazione di tutte le sue componenti aderenti."
 

Italia viaggia nella bellezza

Il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo ha ideato, in occasione di EXPO 2015, uno spot promozionale, per celebrare la bellezza dell’Italia e la sua straordinaria offerta culturale, sensibilizzando i cittadini al tema della conoscenza, protezione e valorizzazione del nostro prezioso patrimonio.L’Italia è davvero il regno della bellezza: i gioielli d’arte, archeologia, natura, le tradizioni popolari, i teatri, i paesaggi mozzafiato, i centri storici intatti sono infatti diffusi su tutto il territorio e creano una rete densa e sorprendente, un patrimonio spesso poco conosciuto ma prezioso, che merita di essere visitato, valorizzato, amato.

 


Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo