Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Rai Cultura - Una settimana della memoria

 Rai Cultura - Una settimana della memoria

 

Guarda il webdoc di Rai Cultura "Shoah - Il Giorno della Memoria” http://www.cultura.rai.it/webdoc-shoah/index.html

Da domenica 22 a sabato 28 gennaio film, reportage, musica e teatro per non dimenticare. Tra gli appuntamenti principali, il documentario “Son morto che ero bambino. Francesco Guccini va ad Auschwitz” su Rai Storia e il concerto della “Serata Colorata” in diretta su Rai5.

Non solo la giornata del 27 gennaio, Giorno della Memoria, ma un’intera settimana: dal 22 al 28 gennaio Rai Cultura dedica al ricordo della Shoah gran parte del proprio palinsesto, in tv e sul web.

Rai Storia, in particolare, propone documentari storici e di nuova produzione, speciali e approfondimenti per testimoniare il dovere di non dimenticare. La programmazione della giornata di venerdì 27 gennaio, inoltre, è completamente dedicata al tema e in prima serata viene proposto in prima tv alle 21.10 il documentario di Francesco Conversano e Nene Grignaffini “Son morto che ero bambino. Francesco Guccini va ad Auschwitz”.

E’ il racconto del viaggio che il cantautore emiliano ha fatto a marzo 2016 nell’orrore del campo di concentramento al quale ha dedicato anche la canzone omonima con il nuovo Vescovo di Bologna, Monsignor Matteo Maria Zuppi, e con la classe 2”B della Scuola Media Salvo d’Acquisto di Gaggio Montano sull’Appennino bolognese. Sempre il 27 gennaio, alle 22.10, un’altra prima tv: il documentario “Una giornata, in particolare”.

E’ il racconto, attraverso un filmino amatoriale del 1931, girato nel giardino di una famiglia ebraica romana e recentemente ritrovato a Buenos Aires, di uno spaccato della realtà italiana negli anni del regime fascista precedenti le leggi razziali del ’38. A seguire, sempre in prima visione, “The displaced”, un documentario che si sofferma su un aspetto poco conosciuto dei campi: il dopo. Come furono gestiti dagli alleati gli ebrei appena liberati? Alcuni rimasero addirittura nei campi, altri spostati, altri vagarono senza meta per l’Europa.

Nella programmazione di Rai5, invece, spicca la diretta di giovedì 26 gennaio alle 20.30 dall’Auditorium Parco della Musica di Roma della “Serata Colorata”, un concerto sotto l’alto patronato della Presidenza della Repubblica, con il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri e promosso dall’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane.

In programma le musiche composte, o suonate, dai musicisti internati a Ferramonti, in Calabria, uno dei più grandi campi di concentramento fascisti della Seconda Guerra Mondiale da cui, tra il 1940 e il 1943, transitarono più di tremila ebrei.

Il 27 gennaio alle 21.15, poi, è in programma “Songs for Eternity”, uno spettacolo in cui la grande cantante e artista tedesca Ute Lemper, accompagnata da Moni Ovadia, propone un repertorio di canzoni scritte nei campi di concentramento da musicisti ebrei deportati, molti dei quali morirono nelle camere a gas.

Rai Scuola, infine, propone il racconto dei viaggi compiuti in questi anni al campo di Auschwitz dai ragazzi delle scuole italiane, fino all’ultimo di quest’anno. In programma, inoltre, produzioni storiche e speciali per far comprendere ai più giovani la tragedia della Shoah attraverso le voci dei sopravvissuti.

L’evento sarà ampiamente seguito, commentato e approfondito con speciali e web doc anche sul portale Rai Cultura Web e sui social.

Tags

Condividi questo articolo