Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Speciale: Stati Generali delle donne

Speciale: Stati Generali delle donne

In questo speciale Rai Economia, vuole ripercorrere e seguire passo passo il cammino degli Stati Generali delle donne, un percorso tutto al femminile, lento e silenzioso, che va avanti dal 2013, sotto la coordinazione di Isa Maggi, nei diversi territori italiani. Sono un coordinamento permanente, un Forum che è diventato un interlocutore autorevole per le Istituzioni che operano nell'ambito delle politiche del lavoro, dell'economia, della finanza, del femminile, dei diritti, della cultura, della scuola, della formazione, della pace e del dialogo, del ben vivere, dello sviluppo.

Il tutto avviene attraverso due modalità ben definite, parallele al Forum permanente degli Stati Generali delle donne:
- la costituzione di una Hub che è il  laboratorio e strumento operativo, struttura giuridica di servizio per presentare progetti,
- l'Alleanza con le altre associazioni, enti, imprese,scuole, università, che vogliono attivarsi, creare progetti, eventi,produrre il cambiamento attraverso la firma di convenzioni.

La storia degli Stati Generali delle donne

-Nel 2013 aveva preso il via il progetto "Donne che resistono" e nel 2014 il tema è stato "Donne che ce l'hanno fatta".

-Il 5 dicembre 2014 gli Stati Generali delle Donne sono stati convocati da Isa Maggi, coordinatrice nazionale, a Roma presso il Parlamento Europeo. L'incontro si è svolto attraverso un confronto spontaneo,democratico,innovativo,inclusivo,con un format di tre minuti per ciascuna.

-Nel 2015 in tutte le Regioni italiane, vi è stato uno scambio di best practices e di abstract su differenti temi con raccolta e pubblicazione on line per tutto il 2015, per dare spazio alla componente femminile, valorizzarla e darle voce. Ogni Regione ha avuto una coordinatrice che ha organizzato l'evento regionale. Le donne partecipanti, tantissime in ogni Regione,hanno manifestato passione, competenza, determinazione, tenacia, voglia di mettersi in gioco e un impegno per il potere e per il saper fare che è spirito di servizio a favore della società in tutti i settori dalla gestione dei beni culturali, alle nuove tecnologie, alle politiche di immigrazione, alle soluzioni per la logistica, i trasporti, per una sanità migliore, al turismo sostenibile e alla blue economy,con nuove soluzioni partecipative.

-Il 26 27 28 settembre 2015 a Milano in Expo, è stata scritta la Carta delle Donne del mondo come documento condiviso dei lavori della Conferenza Mondiale delle donne. Pechino vent'anni dopo. Una grande conferenza che ha visto la partecipazione di 981 delegate, in rappresentanza di 35 Paesi del mondo: è stato proposto un nuovo modello di sviluppo per uscire dalla crisi con la forza delle donne,in un percorso articolato che da #Expo2015 si sta muovendo verso #Matera2019 e il Mediterraneo.


-Il 18 novembre 2016, presso l'Associazione della Stampa estera in Italiaverrà presentato Un Patto per le Donne, documento che descrive gli obiettivi da raggiungere per il lavoro delle donne, così come sono emersi dagli Stati Generali delle donne che sono stati svolti in tutte le Regioni italiane: è un percorso unitario di intervento sui territori finalizzato a creare nuova occupazione femminile nell’ambito dello sviluppo economico, produttivo ed occupazionale dell’Italia, per la cui attuazione è ritenuta necessaria un’azione coordinata, con il coinvolgimento di tutti i soggetti interessati, in considerazione della strategicità e complessità degli interventi, nonché per accelerarne la realizzazione, nel rispetto delle disposizioni comunitarie e nazionali.

 

VEDI ANCHE LO SPECIALE DI RAIECONOMIA WOMENOMICS

La Carta delle donne del Mondo

La Carta delle donne del Mondo

Oggi il ruolo della donna è posto al centro del dibattito economico e sociale. In tale contesto nasca “La Carta delle donne del mondo“, frutto di un percorso che ha visto il coinvolgimento di tantissime donne dai percorsi professionali differenti, ma uniti da un unico intento: vedere riconosciuti ...

Leggi tutto

Il G7 delle donne, per accrescere l`empowerment femminile

Il G7 delle donne, per accrescere l`empowerment femminile

In occasione della Presidenza italiana del G7, si terrà  alla Farnesina il 7 e 8 aprile 2017 il  Forum internazionale di dialogo “Starting from girls. Women Forum on inequality and sustainable growth“, organizzato in collaborazione con WE-Women Empower the World, l’Aspen Initiative for Europe e Valore ...

Leggi tutto